nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo

tappa1

Venerdì, 15/06/2007

Da Los Arcos a Logrono

 

scritto da Ferdinando Gambelli

 

Partenza alle 7:00. Questa tappa lascia la zona della Navarra per entrare nella provincia della Rioja, famosa per la produzione di un vino eccellente.

Il cammino è tra vigneti e campi di grano, fino ad arrivare a Torres del Rìo con leggere salite. Da qui in poi inizia un lungo tratto di saliscendi impegnativi.

Arrivati su una collina, si domina la pianura della Rioja e in lontananza si intravede la città di Logrono.

Prima di raggiungere Logrono c'è un'altra cittadina sul nostro cammino, è Viana. Ci fermiamo a visitare la chiesa di Santa Maria, con facciata rinascimentale e, all'interno, la tomba di Cesare Borgia, figlio del papa Alessandro VI. Il cammino attraversa tutto il centro storico per poi uscire dalla cittadina.

E' l'ora della pausa pranzo, che consumiamo su una panchina in compagnia di Francesca, una ragazza di Trento.

Arriviamo a Logrono alle 14:30. Tre Euro il costo dell’ostello, il prezzo più basso fin qui pagato, che si trova nel centro storico della città. Dopo aver fatto doccia e bucato, ci incamminiamo per la visita, e noto che sul campanile della cattedrale hanno nidificato delle cicogne.

La cena, questa sera, viene fatta nella cucina dell'ostello, preparata da noi, in compagnia di altri pellegrini (forse troppi). Ho constatato che non siamo adatti a preparare la cena; siamo più da ristorante.

Stavo dimenticando di presentare Logrono, capitale della Rioja, città di circa 100.000 abitanti. Dopo aver visto dall’esterno la cattedrale Santa Maria de La Redonda (all’interno era allestita una mostra) e Santa Maria del Palacio con l'alta cuspide piramidale di 45 metri, facciamo un giro al mercato San Blas, un edificio art decò che trabocca dei migliori prodotti della Rioja e, infine, una passeggiata nella parte moderna, con negozi delle migliori marche, grandi marciapiedi e grandi strade affollate.