nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo nivo

Altavilla Vicentina: la festa dei record

Ecco finalmente svelato perche’ Frau Renate Cecchetto e’ l’unica bolzanina a non parlare tedesco: perche’ la xe una magnagati de Vicensa! In uno dei rari sabati non seguiti da una maratona, ha radunato nella sua casa natale (che vista dall’interno sembra una villa palladiana, non scherzo), con prospettiva sui castelli di Romeo e Giulietta, i piu’ prolifici maratoneti italiani, degni di farle corona nella celebrazione del suo fresco record di 40 maratone corse nel 2001.

Ecco dunque il primatista maschile 2001, Inox Togni (45), e il primatista precedente, Cemento 525 Lambertucci (42), come la precedente primatista femminile, Dolcezza Gargano, che col marito Michele Rizzitelli si sono sobbarcati il viaggio in aereo da Bari. Stranamente, la maggioranza relativa dei presenti proveniva da Modena: 4, con un totale annuo di quasi 100 maratone corse.

A testimoniare degli eventi, i due giornalisti piu’ qualificati del mondo podistico (ma si’ !): Fabio Rossi (col primo tifoso d’Italia, papa’ Antonio, al seguito) e Marco Marchei, in piena forma, loquacissimo e con annesso fotografo. Ha subito precisato di non leggere Podisti.net (be’, sabato era in buona compagnia: non riuscivamo a leggerlo neanche noi!), e di non gradire troppo le felpe del sito che alcuni di noi indossavano: ma la xera na festa e lo perdonemo. Vedremo poi che foto appariranno sulla rivista patinata (avete presente la vignetta di Forattini sul bianchetto di D’Alema?), noi intanto esibiamo le nostre.

Sui manicaretti cucinati dalla fameia Cecheto ga’ belle anticipa’ qualcossa el Simon 71, che forse xe astemio parche’ no ha magnifica’ bastansa i vini, prelevati da una cantina sotterranea cui si accede da una botola, spettacolo nello spettacolo. Grazie ad Adriano Boldrin, l’economo del gruppo, perche’ mi ci ha introdotto, portando in piu’ dai suoi poderi 20 litri de Grinton de Boion, che mi faranno perdere qualche minuto in maratona ma ne vale la pena; come semplicemente eccezionale e’ stato il Fragolino bianco marca Cecchetto che ha concluso la serata. E mentre la signora Passiatore improvvisava genialmente stornelli, il marito svelava che il grande assente (malgrado ci fossero il suo autista e il suo navigatore preferito, Alfonso Pagliani e Roberto Algeri), William Govi, sta diventando un benefattore dell’umanita’: ha deciso di mettere all’asta per beneficenza una sua tenuta da corsa!

Grazie, Frau Renate: ansi, siora Renada!

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna